Ci riprovo.
Per la terza volta in due anni cambio grafica al sito.
Un po' come cambiare acconciatura.
Anche se qualcosa rimarrà sempre in costruzione.
L'invisibile omino giallo con la picozza nel ruolo di eterno guardiano del sito.
Ci sarà sempre una pietra mancante.
Un foro sul muro.
Pagine vuote.
Propositi abbandonati.
Idee sospese.

Non cambiano i colori.
Quelli che mi descrivono
Quelli che completano le mie Parole.
Quelli che più rappresentano il mio tormento.
E la mia inquietudine.

Questo continua lotta tra istinti e sentimenti diversi.
Rosso e nero.
Eros e Thanatos.
Passione e Distruzione.
Come se in me l'uno implicasse inevitabilmente l'altro.
In ogni esperienza.
In ogni slancio.
In ogni folle ricerca.
Perché in fondo ho capito che la mia vita non è altro che una convivenza difficile tra questi due sentimenti.
Ed è qui che ne parlo.
Qui che mi racconto.
Qui che mi salvo.
E non c'è altro da aggiungere.
Se non ringraziarvi per la vostra presenza.
Forse alle volte fin troppo silenziosa.
Ma che allevia i morsi della mia incurabile solitudine.


C.

Settembre 2007